decisione vincente stile di vitaFitness 

Stile di vita sano e attivo

TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE SU STILE DI VITA SANO E ATTIVO

Per cogliere appieno i benefici dell’esercizio, ci viene detto di farne almeno 30 minuti al giorno di attività per 5 giorni alla settimana. Manon conta solo quanto ci muoviamo. Puoi avere appena scoperto lo yoga, essere un patito della corsa o praticare lo sport ad alti livelli: quello che conta è seguire un regime di fitness equilibrato che incorpori diversi tipi di allenamento che rafforzino flessibilità, fitness cardio, forza muscolare e resistenza. Sono questi i 4 pilastri di una vita sana e attiva!

 

ECCO I 4 PILASTRI DI UNA VITA SANA E ATTIVA

FLESSIBILTA’

Attività a basso impatto come danza, yoga e pilates sono ottimi esempi di esercizi che aiutano a migliorare la flessibilità. Anche dei semplici allungamenti fatti in casa possono essere utili: Dedica 10-15 minuti al giorno ad esercizi di stretching. Oltre alla flessibilità, possono aiutare anche a ridurre lo stress e ad evitare gli infortuni durante gli esercizi di maggiore intensità.

Prima dell’esercizio: Gli allungamenti dinamici con movimenti leggeri aiutano a riscaldare i muscoli e prepararli all’attività. Rotea le braccia, dondola le gambe e fai piegamenti leggerei e indietro.

Dopo l’esercizio: Dopo l’attività, dedica almeno 10 minuti per sciogliere i muscoli tesi, migliorare la flessibilità e alleviare l’indolenzimento muscolare. Allunga fino al punto in cui avverti un lieve fastidio, torna un po’ indietro e mantieni la posizione.

 

CARDIOVASCOLARE

Le attività ad elevata intensità che aumentano il battito cardiaco sono un ottimo sistema per bruciare calorie perché spesso richiedono più energia. Corsa, aerobica, allenamento a intervalli sono tutte attività ad alto ritmo che aiutano a rafforzare le ossa, muscoli e articolazioni e spingono il sistema cardiovascolare(es. cuore e polmoni) ad un maggiore lavoro per rifornire i muscoli di ossigeno. Chi ha difficoltà con gli esercizi ad impatto elevato, può provare attività come ciclismo, nuoto o l’ellittica in palestra, indicate per l’allenamento cardio in quanto meno gravose per l’organismo ma comunque utili a promuovere il fitness cardiovascolare.

 

FORZA

Oltre agli altri tipi di esercizi, gli adulti dovrebbero svolgere almeno due allenamenti della forza muscolare a settimana. Associati a una buona nutrizione, gli esercizi per la forza come pesi e pliometrici aiutano ad aumentare la massa magra e a migliorare la capacità dell’organismo di operare contro resistenza. L’allenamento della forza non agisce solo sui muscoli specifici interessati, ma cambia ogni aspetto del corpo, in quanto migliora densità e condizione delle ossa. Inoltre, è bene notare che chi ha più massa magra brucia più calorie a riposo e dal momento che l’organismo necessita di maggiore energia per mantenere la massa muscolare, spesso anche il metabolismo risulta più alto. Per gli esercizi di allenamento della forza e di pesistica, consulta un personal trainer qualificato.

 

RESISTENZA

Gli esercizi di resistenza spesso sono appannaggio di atleti professionisti che si allenano in modo sistematico. Ottime per bruciare i grassi, alleviare lo stress e migliorare il fitness cardiovascolare. Le attività di resistenza come il triathlon sono molto impegnative per l’organismo; seguire una nutrizione adeguata che apporti energia e proteine(queste variano in base all’età, genere e livello di attività) è estremamente importante. Per praticare attività competitive che durano più di un’ora(come una partita di calcio) occorre avere anche resistenza muscolare e per questo tanti atleti professionisti nel mondo scelgono i prodotti Herbalife24.

LO SAPEVI?
Per un fisico asciutto e tonico, cerca di assumere il 15-30% delle calorie giornaliere attraverso le proteine. Le proteine contengono gli aminoacidi per lo sviluppo e la riparazione dei tessuti muscolari.

Dopo l’esercizio aerobico(cardiovascolare), pensa a reintegrare soprattutto i carboidrati e un po’ di proteine. Dopo l’allenamento della forza(esercizio anaerobico), assumi più proteine per favorire lo sviluppo muscolare.

Dopo un’ora di esercizio intenso, le riserve di glicogeno muscolare(carburante) cominciano a consumarsi. Un po’ di carburante extra può servire a ritardare l’affaticamento.

La disidratazione può provocare capogiri, affaticamento e crampi muscolari, quindi cerca di essere sempre bene idratato prima e durante l’esercizio.

 

 

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.